A zonzo per castelli – Pandino e Soncino

[foogallery-album id=”375″]

Ragazzi mi tocca …. giustamente alla mia prima uscita stagionale mi tocca …. il resoconto dell’uscita di domenica 02 marzo 2008: meta le località di Pandino e Soncino vicino Crema ed i loro favolosi Castelli, non fraintendetemi la cosa non mi pesa anzi mi fa piacere!
La mia prima uscita stagionale è tutto l’inverno che aspetto di rimontare in sella alla mia mitica BMW, di ripercorrere le strade d’Italia e d’Europa insieme agli amici di SADV e finalmente il momento è arrivato con note buone e meno buone, quella meno buona è che dovrò rinunciare alla compagnia della mia zavorrina colpita da un pestifero virus intestinale …..peccato.
Però la vista degli amici che mi aspettano al solito distributore appena fuori dell’uscita autostradale di Busto Arsizio mi rincuora così come l’ottima situazione climatica che ci accompagnerà per tutta la giornata……. e già Fede & Ivan, Paolo & Roberta sono già lì ed appena mi intravedono si prodigano in saluti, a questo punto dopo aver sentito telefonicamente Andy & Vania che sono leggermente in ritardo decidiamo di imboccare l’autostrada ed attenderli all’autogrill di Lainate dove ci fermiamo volentieri anche per consumare un caffè.
Si riparte alla volta di Sesto S. Giovanni dove usciti dall’autostrada troviamo Moreno, che ha proposto le mete di questa giornata, ed i nuovi amici Giamba e Silvia, dopo i convenevoli di rito …… si parte.
Arriviamo a Pandino e posteggiate le due ruote nel piazzale antistante il Castello Visconteo (deturpato per l’occasione dai carrozzoni di un Luna Park) procediamo per il Castello e con un colpo di … fortuna troviamo la guida che sta per iniziare un nuova visita.
Ivana questo è il nome della brillante “volontaria” che ci accompagna per le stanze del Castello e che con grande spirito e padronanza ci illustra la storia del Castello e dei Signorotti che vi si sono succeduti, molto interessante!
Nota caratteristica al piano terreno il Castello ospita la “Scuola Casearia”, ma sì proprio quella che serve per confezionare formaggi e latticini vari e sembra che sia rinomata anche a livello internazionale (lo studente che viene da più lontano giunge addirittura dall’Uruguay).
Comunque la visita al Castello si rivela molto interessante anche per le capacità comunicative della nostra guida e la struttura del Castello è veramente bella, così come belli sono gli affreschi che ricoprono ogni parete da pavimento a soffitto e mi sembra anche un po’ di rivivere all’epoca delle guerre tra il Ducato di Milano e la “superpotenza” di Venezia o l’invasione da parte degli spagnoli, ma forse …. è colpa della fame vista l’ora che si è fatta!
Chiediamo allora indicazioni ad Ivana: dove potemo magna?
Semplice (dopo apposita telefonata) raggiungiamo a piedi il ristorante locale, mi pare si chiami “Leon d’oro” o qualcosa di simile. Consumiamo un pasto frugale: affettati misti con cipolline in agrodolce (favolose) e piatto misto di carne di maiale al forno con uno stupendo intingolo e polenta.
Nel frattempo si uniscono a noi, Roby & Ketty e Walter & Nadia e dopo un caffè siamo pronti a ripartire alla volta di Soncino.
Splendida cittadina murata che ospita uno spettacolare castello che ovviamente non possiamo fare a meno di visitare scattando una serie innumerevole di fotografie.
Ma la sorpresa della giornata deve ancora arrivare: la visita alla “Casa degli Stampatori” dove una giovane ragazza ci illustra un po’ della storia di Soncino e quella della “Casa” una volta banco dei pegni gestito dagli ebrei.
Il racconto scende anche in particolari legati alla tecnica di stampa dell’epoca e qui il nostro Paolo si esibisce nella stampa della “Prima Pagina della Creazione” della Bibbia sotto la guida esperta di un simpatico personaggio e ONE ……… e TWO …… e TRHEE ……. e FOUR e qui gente c’è qualcuno che rivedendo il filmato di quel momento fà ancora la pozza sotto di lei (ops ho detto lei!).
La giornata volge al termine ed allora via verso la strada del ritorno a casa con qualche tappa intermedia per salutare chi via via seguirà un itinerario diverso.
Questa resterà un’altra avventura di SADV da annotare nei nostri calendari e nei nostri cuori….. già i nostri cuori che purtroppo in queste ore hanno appreso la triste notizia dell’improvvisa scomparsa del nostro carissimo amico Terry che anche in questa giornata involontariamente è stato menzionato ad ogni ripartenza per il suo mitico invito: ….. IN SELLA!
…. ed in sella resterai sempre con noi! CIAO TERRY!

Alex